Chi ha ancora paura di un viaggio fai-da-te? Prepararsi al viaggio in Cina

In quanti di voi si affidano ancora alle agenzie per organizzare un viaggio, anche solo per prenotare un volo low cost in Europa? Mettersi davanti al PC e cominciare a mettere insieme i tassellini di un viaggio a volte può intimorire. Da dove inizio? Cosa compro prima? Dove cerco? Riuscirò da sola? Non l’ho mai fatto.

Esatto, le cose mai fatte fanno paura e allora il più delle volte si desiste. Si rinuncia ad esperienze importanti e ci si priva così di crescere un po’ di più.

xshutterstock_264209426-711x460.jpg.pagespeed.ic.VSL2XmcBwO

La ragione più  ovvia che vi dovrebbe motivare ad organizzare un viaggio per conto vostro senza ricorrere alle agenzie è senz’altro economica. E chi di noi non è costretto a fare i conti con il suo portafoglio?  La mia filosofia di viaggio si riassume in: “risparmia in costi di viaggio e pernottamento, così da non privarti di escursioni, accessi a luoghi importanti da visitare ed esperienze uniche, le cosiddette once-in-a-lifetime, una volta sola nella vita.”

Si può fare. Avrete bisogno di una connessione internet, carta e penna, carte di credito (o prepagate), un pomeriggio libero, un po’ di pazienza e tanta voglia di andare via.

Per questo viaggio in Cina, ho fatto un esperimento. Ho consultato prima un’agenzia di viaggio e poi ho organizzato, come sempre, per conto mio. Sì, interamente. Dai voli, ai biglietti dei treni e alle prenotazioni in albergo. Siete pronti con la calcolatrice alla mano? Vediamo allora il risultato.

Metto qui di seguito alcuni consigli e suggerimenti (se, invece, hai bisogno di trucchetti su come fare lo zaino perfetto, puoi leggere il mio articolo “L’arte di fare a meno del superfluo“). Vediamo insieme qualche considerazione:

1) VISTO TURISTICO

documents-required-for-Schengen-visa

Innanzitutto, per andare in Cina, ci vuole un visto turistico che garantisca il vostro accesso al paese. A differenza di molti paesi asiatici (per esempio, Thailandia, Cambogia e Laos) bisogna atterrare nel paese con visto alla mano. A differenza di molti paesi asiatici (per esempio Myanmar), il visto non può essere acquistato online, ma in Consolato (nel mio caso in Toscana, a Firenze). Ottenere il visto è una procedura piuttosto semplice. Servono:

  • una fototessera
  • il modulo compilato (preferibilmente al PC e non a mano), scaricabile qui
  • fotocopia del passaporto e passaporto
  • stampe di tutte le prenotazioni, degli aerei e degli alloggi

Quindi, prima di fare il visto occorre aver prenotato gli hotel/ostelli ed avere una data di entrata e di uscita dal paese.

Costo fai-da-te: 60 euro, pagabili alla consegna solo in contanti.

Costo agenzia: 130 euro. L’agenzia fa da tramite tra richiedente e Consolato e si affida anch’essa ad un’altra agenzia e ad un corriere.

Considerazione: anche mettendo i soldi del pedaggio autostradale e della benzina per arrivare a Firenze, non ho speso tale cifra.

2) BIGLIETTO AEREO INTERCONTINENTALE E SPOSTAMENTI INTERNI

La questione voli e spostamenti interni. C’è un po’ da smanettare ed è in questa fase che vi dovrete armare di un po’ di pazienza e valutare le diverse opzioni. Se fate un viaggio con più tappe, dovete valutare quali sono le opzioni di trasporto disponibili nel paese da voi scelto. Nei viaggi fatti finora, ad esempio, il treno non era un’opzione perché in paesi quali Cambogia o Laos la rete ferroviaria non c’è. Non è il caso della Cina, che vanta un rete efficiente che mette a disposizioni vari tipi di treni tra cui quello rapido anche a prezzi abbordabili.

Si tratta allora di capire che tipi di viaggiatori siete e cosa siete disposti a sopportare.

Parto subito a fare un confronto monetario.

Costo fai-da-te: Volo Pisa-Pechino, 810 euro, inclusivi di assicurazione Protezione totale con Europassistance (quella che uso sempre).

Costo agenzia: Volo Pisa-Pechino, 1390 euro.

—-> Per i voli internazionali vi potete affidare a diversi motori di ricerca. Io, di solito uso, volaregratis.com o skyscanner.it. Oltre alla possibilità di inserire filtri di customizzazione, quali quanti scali volete fare, gli orari di partenza, le classi di viaggio eccetera, il vantaggio più grande è senz’altro quello di avere sotto gli occhi un prospetto a largo raggio che permette di verificare i costi in varie date contemporaneamente.

skyscanner

Potete cliccare date diverse finché non trovate il prezzo che fa per voi. Questa volta ho comprato il volo attraverso volaregratis.

—-> Per volare internamente in Cina, ho comprato i biglietti aerei attraverso il sito di China Eastern Airlines. Piuttosto economici. Il costo del biglietto include anche la tariffa del bagaglio di 20kg. Ci sono molti voli per la stessa direzione giornalmente, a prezzi diversi.

—-> Per altri spostamenti interni ho prenotato biglietti del treno. Un po’ di considerazioni. Il sito delle ferrovie di Stato è, ahimé, solo in cinese. L’alternativa è acquistare il biglietto attraverso il sito China Highlights o comprare il biglietto in stazione. Questa agenzia chiede costi di commissione di 8 euro, che volendo si possono risparmiare comprando i biglietti in stazione (per questione di tempi stretti e del fatto che non viaggio da sola, stavolta ho comprato i biglietti in anticipo). Il sito è accessibile da vari paesi, con una differenza (non ho ancora capito il motivo). Dal sito italiano i biglietti si possono comprare solo 1 mese prima della partenza (non molto prima), mentre dal sito americano i biglietti sono acquistabili sempre. Altra considerazione: non esiste un e-ticket. Vi viene dato un numero di prenotazione che dovrete presentare in stazione e cambiare con il biglietto vero.

Considerazione: se anche il viaggio in sé è più lungo di quello in aereo, i tempi per raggiungere l’aereoporto e di attesa dilatano maggiormente quello che ci sembra in prima istanza uno spostamento più breve. Senza considerare che il biglietto del treno ci è costato 62 euro contro il 100+ dell’aereo.

3) ALLOGGIO

checklist

Già vi ho detto in altre occasioni che il modo migliore (a mio avviso) per prenotare alloggi è attraverso l’app di booking.com . Nel Sudest asiatico non ci sono reali motivi per i quali è consigliabile prenotare gli alloggi con largo anticipo. Quasi sempre gli alloggiatori troveranno voi. Per la Cina, ho deciso di prenotare tutto in anticipo (sempre per questione di tempi stretti e del fatto che non viaggio da sola, stavolta ho comprato i biglietti in anticipo).

L’aspetto vantaggioso è che diventando un cliente abituale vi viene riconosciuta la vostra fedeltà e potrete accedere ad alcuni sconti del programma di fidelizzazione Genius che offre il 10% di sconto fisso sulla tariffa più economica e/o su quella più venduta ai clienti abituali di Booking, in ogni periodo dell’anno.

In media ho speso 25-30 euro a notte. Cifre che sono circa 3 volte tanto quello che normalmente spenderei se viaggiassi da sola. Stavolta mi sono trattata molto bene e ho prenotato solo alberghi, soprattutto per accomodare le esigenze di chi viaggia con me.

Considerazione: con la cifra che mi ha chiesto l’agenzia per il SOLO volo intercontinentale, io ho coperto il costo di:

  • 1 volo intercontinentale compreso di assistenza viaggio a protezione completa
  • 2 voli interni
  • 1 viaggio in treno di 4h con treno rapido
  • Tutti i pernottamenti (e cioè, 4 alberghi. Stavolta niente ostelli per me!)
  • Visto turistico

Il risparmio sarà tutto speso nella massima serenità, per le escursioni che ho in programma di fare.

Se l’affermazione che la maggior parte della gente ripete è: “Non viaggio tanto perché non ho soldi”, perché allora regalare denaro ad un’agenzia che nella maggior parte dei casi si limita a pigiare due bottoni sulla tastiera del PC?

Perché non farlo da soli? Vi posso garantire che il risparmio è assicurato e troverete questa operazione di ricerca pure divertente! Vi ho convinti?

Il viaggio comincia laddove il ritmo del cuore s’espone al vento della paura. Fabrizio Resca

travel

(le foto di questo articolo sono tutte prese dal Web)

 

Leave a Reply