origine del diario

Perche’ questo diario online

A distanza di quasi un anno dal mio viaggio in solitaria in Cambogia, ho deciso di scrivere un diario online. A inizio 2015 e’ stato pubblicato un mio articolo che raccontava le mie impressioni ed emozioni di Cambogia. Il blog che lo ha ospitato si chiama “Too happy to be homesick“, un sito straordinario tenuto da una persona straordinaria, Elisabetta, che e’ una mia amica “a distanza”. Con le sue storie mi ha ispirato e incoraggiato. Eli mi ha appoggiato e seguito su Whatsapp in questa mia avventura.

L’articolo ha ricevuto (molti per me) commenti positivi di incoraggiamento…. cosi’, alla fine, perche’ non riportare anche qui quei “momenti di essere”, per dirla alla Virginia Woolf, che avevo raccolto in un diario di viaggio, a caldo sul momento? Questo diario online non ha nessuna pretesa, ne’ di insegnare ne’ di farvi da guida; sono emozioni personali che vengono dal cuore…il mio. A volte brutalmente intime, altre di una semplicita’ imbarazzante… non sono una scrittrice e gli occhi offesi da queste parole non me ne vogliano! 🙂

Quante volte io mi sono trovata a leggere blog di viaggiatrici coraggiose che hanno fatto la valigia senza pensarci due volte e sono partite tutte sole. Attraverso i loro racconti ho sognato, mi sono emozionata, ho esplorato antri dentro me che nascondevano mie sensibilità che erano solo assopite. Ho trovato il coraggio di affrontare le mie paure dentro questi labirinti mentali, sensoriali, istintivi … eppure devo anche ringraziare quelle storie lette fino a tarda sera, nelle ore notturne insonni; sono proprio quelle storie che hanno fatto sì che il mio sogno diventasse realtà. Allora questo diario nasce dalla voglia di mettere a disposizione la mia esperienza e forse tu, capitando qui per sbaglio o per scelta, ti riconoscerai nelle mie stesse emozioni, rivivrai viaggi già percorsi o magari troverai conferma che le tue paure sono quelle di tutti. Che non sei strano, anormale, incapace, fifone, uno che si fa troppe paranoie insomma.

[Tweet “Forse troverai la spinta per intraprendere quel viaggio che é là fuori e aspetta solo te!”]

11 thoughts on “Perche’ questo diario online

  1. Grazie per la menzione Federica! ^__^ Ma il merito è tutto tuo: sei tu che hai avuto il coraggio di fare quel primo passo verso la libertà di viaggiare da sola, superando timori e tremori. Evviva le donne coraggiose! 🙂
    “La libertà dell’uomo è definitiva ed immediata, se così egli vuole;
    essa non dipende da vittorie esterne, ma interne” (Yogananda)

  2. Ciao! Ho appreso proprio dal blog di Eli che avevi aperto un tuo blog e con molta gioia ti seguirò: sono una lettrice silente e commento sempre poco di mio ma piacerebbe anche a me fare il “grande salto” e leggere sia la tua esperienza che altre non può che farmi bene, nell’attesa sia della predisposizione mentale che economica, ahimè! 🙂
    Un abbraccio da Torino 🙂

  3. Io ti “scopro” solo ora, ma forse non sono poi così in ritardo!!
    Dici di non essere una scrittrice ma sai scrivere benissimo, con leggerezza e ironia, lo fai in modo veloce e dinamico, metti voglia di continuare a leggerti, di conoscere il seguito. Quindi prima di dire che non sei una “scrittrice” fossi in te ci penserei due volte 😉
    Mi hai tenuta incollata al tuo blog fino all’ultima parola del tuo ultimo articolo. Complimenti 😀

Leave a Reply